Dal 30 marzo 2009 (60° giorno successivo alla data di entrata in vigore della legge di conversione) cessa l’obbligo della tenuta del libro soci da parte delle S.r.l.

 
E’ quanto disposto dal comma 12-septies, dell’art. 16, della legge 28 gennaio 2009, n. 2 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 22 del 28 gennaio 2009), di conversione del decreto-legge n.185 del 29 novembre 2008, recante “Misure urgenti per il sostegno a famiglie, lavoro, occupazione ed impresa e per ridisegnare in funzione anti-crisi il quadro strategico nazionale”. Cessa, di conseguenza, anche l’obbligo della presentazione dell’elenco soci in concomitanza con il deposito del bilancio d’esercizio (comma 12-octies).
Entro la data del 30 marzo 2009, gli amministratori delle Srl dovranno depositare, presso il Registro delle imprese, una dichiarazione per integrare le risultanze del Registro stesso con quelle del libro soci.
Tale adempimento è esente da ogni imposta e tassa.
Per tale dichiarazione si utilizza la modulistica attualmente in vigore per la presentazione delle domande di iscrizione al Registro delle Imprese contenuta nel decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 6 febbraio 2008 .
I moduli ai quali fare ricorso per la dichiarazione devono essere, di norma, l’intercalare S da allegare al modulo B , con l’indicazione nel quadro Note che trattasi di “ dichiarazione ai sensi  dell’art. 16, comma 12 undecies, della L. 28 gennaio 2009, n. 2 “
In caso di comunicazione all’ufficio del Registro delle Imprese effettuata  “oltre” il termine dei sessanta  giorni, si perderà il beneficio dell’ esenzione dal pagamento delle imposte e tasse, ivi compreso il diritto di segreteria, e si incorrerà nella sanzione fissata dall’articolo 2630 codice civile per la tardiva presentazione di domande, denunce o dichiarazioni all’ufficio del Registro delle Imprese.
 
In tale contesto, e tenuto contro del breve lasso di tempo prima del termine di legge,  si consiglia di avviare le seguenti attività, senza effettuare l’adempimento prima dell’aggiornamento della manualistica e del software come sopra indicato:
1) eseguire una visura storica degli assetti proprietari o scheda socio per verificare la conformità tra le risultanze del registro delle imprese ed il libro dei soci tenuto dall’amministratore della società;
2) effettuare eventualmente l’aggiornamento del libro dei soci sulla base delle risultanze del registro delle imprese (specie in caso di trasferimento di quote dopo il deposito dell’ultimo elenco soci annuale in sede di approvazione del bilancio):
3) verificare il possesso e il corretto funzionamento della firma digitale dell’amministratore della società (validità del certificato di firma ecc.).