La Legge di Stabilità 2014 prevede la possibilità di pagare le cartelle e gli avvisi esecutivi senza gli interessi di mora e gli interessi per ritardata iscrizione a ruolo. La definizione agevolata è prevista per le somme affidate a Equitalia in riscossione fino al 31 ottobre 2013.
Per aderire il contribuente non riceverà alcuna comunicazione. Dovrà quindi attivarsi per verificare la propria situazione e individuare i tributi che rientrano nella definizione agevolata (possiamo provvedere noi). 

Come funziona la definizione agevolata:
È possibile usufruire delle agevolazioni per cartelle e avvisi esecutivi i cui tributi riguardano i seguenti Enti:

-Agenzie fiscali (Agenzia delle Entrate, del Demanio, del Territorio, delle Dogane e dei Monopoli);
-Uffici statali (Ministeri, Prefetture, Commissioni Tributarie ecc.);
-Enti locali (Regioni, Province e Comuni).
Non è possibile usufruire delle agevolazioni per:
-somme dovute per sentenze di condanna della Corte dei Conti;
-somme dovute agli enti previdenziali (Inps, Inail,CCIAA);
-tributi locali non riscossi da Equitalia;
-richieste di pagamento di enti diversi da Agenzie fiscali, Uffici statali, Enti locali

Cosa non si paga:
-gli interessi di mora, che maturano dalla data di notifica della cartella in caso di mancato pagamento delle somme entro i 60 giorni previsti;

-il tributo relativo agli interessi per ritardata iscrizione a ruolo, riportato nell’estratto di ruolo e indicato nelle cartelle/avvisi emessi per conto dell’Agenzia delle entrate.

Cosa si può pagare:
-il restante importo del debito (al netto degli interessi non dovuti);
-l’aggio;
-le spese di riscossione e quelle per eventuali procedure attivate.

Scadenza
Il pagamento dell’importo dovuto deve essere effettuato, in un’unica soluzione, entro il 31 MAGGIO. 

Dove e come pagare:
-in tutti gli sportelli di Equitalia;
-negli uffici postali tramite bollettino F35, indicando tassativamente nel campo “Eseguito da” la dicitura “Definizione Ruoli – L.S. 2014”. Per la corretta ricezione del pagamento, si consiglia di     utilizzare un differente bollettino F35, completo di codice fiscale, per ciascuna delle cartelle/avvisi che si vuole pagare in forma agevolata.

La definizione agevolata è applicabile anche in presenza di rateazioni, sospensioni giudiziali o situazioni debitorie complesse.