Dal 18 gennaio è possibile per infermieri, fisioterapisti, farmacisti, guide alpine e agenti immobiliari richiedere il tesserino che riconosce le qualifiche professionali per lavorare all’estero. Ma la sua applicazione potrà essere estesa successivamente anche ad altre categorie professionali.

Questo agevolerà l’esercizio della professione in qualsiasi Stato membro dell’Unione Europea.

Riguarderà sia i professionisti europei che intendono esercitare in Italia sia i professionisti italiani che intendono esercitare in un altro Paese europeo e faciliterà il trasferimento, anche solo temporaneamente, dell’attività in un altro Paese dell’Unione. 

La Tessera Europea si ottiene seguendo un iter esclusivamente telematico per queste cinque categorie professionali che vogliono stabilirsi in un altro Paese della UE per esercitare la loro professione stabilmente o temporaneamente nel Paese ospitante. 

Avrà, pertanto, la forma di un certificato elettronico che le autorità competenti dello Stato membro di origine e di quello ospitante si scambieranno tramite il sistema di informazione del mercato interno (sistema IMI – Internal Market Information).