Dal 2019 per le operazioni effettuate tra soggetti residenti o stabiliti in Italia (e relative note di variazione) devono essere emesse esclusivamente fatture elettroniche in formato XML, da inviare tramite il Sistema di Interscambio.

Sono esonerati dall’obbligo di emissione di fattura elettronica i soggetti che aderiscono al regime fiscale di vantaggio  (art.27, c.1 e 2, DL 98/2011) e quelli che aderiscono al regime forfettario (art.1, commi da 54 a 89 L.190/2014) e gli agricoltori esonerati (art.34, c.6 DPR 633/72).

Tali soggetti hanno comunque l’obbligo di conservazione delle fatture elettroniche ricevute.

 

La fattura elettronica deve essere un file in formato XML e deve transitare dal Sistema di Interscambio.

La fattura elettronica deve contenere tutti gli elementi obbligatori previsti dall’art.21 DPR 633/72 e  tutte le informazioni obbligatorie indicate nelle specifiche tecniche (ad esempio: informazioni necessarie alla trasmissione, indicazione di CIG e CUP in caso di appalti pubblici…).

Se la fattura è emessa per conto del cedente/prestatore da parte di un soggetto terzo, tale informazione deve essere riportata nella fattura (Art. 21 DPR 633/72).

La fattura elettronica è recapitata dal Sistema di Interscambio al  cessionario/committente o ad un soggetto terzo per conto del cessionario/committente.

 

Contattaci per sapere qual è la soluzione alle tue esigenze